Archivi tag: Riforma Gelmini

La Camusso delude la piazza

Giovedì 27 gennaio, a Bologna, studenti e operai sono scesi in piazza in occasione dello sciopero generale della Fiom. In 30 mila hanno bloccato le principali strade del centro della città. I due cortei sono poi confluiti in piazza Maggiore, dove sul palco sono intervenuti Maurizio Landini della Fiom e Susanna Camusso, segretario nazionale della Cgil.

L’intervento di Landini  spazia dalla centralità di giovani e lavoratori, nel progresso di un paese, alla condanna degli accordi separati e della strategia di Marchionne, a cui si appella per la riapertura delle trattative. Per il segretario della Fiom, l’Italia dovrebbe competere con la Germania, locomotiva d’Europa, e la Francia quando si tratta dei contratti di lavoro, e non con paesi come la Polonia, dove i lavoratori non versano in esattamente in condizioni. In conclusione, invita anche la Cgil ad indire lo sciopero generale, per far cadere il governo e per promuovere una nuova politica industriale.

La Camusso incentra il suo discorso sull’importanza dei diritti fondamentali e dei diritti dei lavoratori, e sulla necessità di combattere il tentativo, da parte di governo e imprese, di deteriorarli. Affronta il tema del federalismo, delle tasse, della necessità di una politica fiscale redistributiva e di tassare le rendite finanziarie. Non mancano gli attacchi al governo, che a causa la condotta del presidente del consiglio allontana gli investimenti e una presa di posizione contro la mercificazione del corpo della donna. Come Landini, anche nel suo intervento viene criticata la riforma Gelmini, e ribadita l’assenza di prospettive per giovani e precari. laRibadisce la necessità, per i lavoratori, di eleggere i proprio rappresentanti e di partecipare agli accordi aziendali che li riguardano.

La manifestazione, però, non ha portato all’esito che molti auspicavano. La Camusso non raccoglie l’invito della Fiom e di tutta la piazza di annunciare lo sciopero generale del suo sindacato.

Lascia un commento

Archiviato in Attualità

Verso il 14…

Gli studenti a Bologna non si sono accontentati della stazione e ieri mattina, durante un convegno sulla riforma scolastica, medi e universitari hanno fatto irruzione all’interno del Palazzo della Provincia, per leggere il loro progetto di autoriforma. Grandi assenti alla conferenza il ministro Gelmini, che ormai sembra fissare appuntamenti a Bologna solo per il gusto di annullarli, e Luigi Berlinguer, uno dei padri del sistema del 3 + 2 universitario.

Ora l’attenzione è tutta per le giornate di lunedì e martedì. Il 13, infatti, ci si prepara per un grande corteo urbano, in attesa di scendere a Roma, il giorno dopo, per la manifestazione nazionale che accompagnerà il voto alla Camera sulla sfiducia al governo Berlusconi.

Lascia un commento

Archiviato in Attualità

La reazione

Primi, timidi, tentativi di montaggio.

Lascia un commento

Archiviato in Attualità