Archivi tag: futuro

Non abusare di creatina.

Formazione scolastica minima, e due o tre calci in culo, disfare valige già vuote, questo è il futuro.

Dinamiche artistiche incerte e welfare sociale, mentre cresce il rischio che arrivi merda a palate.

Anni e anni di evoluzione ci hanno trasformato in tante formiche operose inneggianti il mercato.

Rimanere fuori dalla macchina produttiva, fotogrammi a colori d’illogicità creativa.

Tafferugli giù in strada ed attività sovversiva, rimedi ingloriosi alla stupidità, creatina.

Generazioni deboli e sterili, cantava forte Umberto, forse sono più generazioni perse in mezzo al deserto.

Non si conosce il futuro e dal passato non si riesce ad imparare, i popoli si chiedono ancora “da che parte dobbiamo stare?”

Raggirati dalla finanza e  violentati dalle banche, nasce anche dalla politica la voglia che tutto vada in fiamme.

Anni di progresso e cibo in scatola in cucina, trasparenze intime ed acidità di mattina.

Rivoluzioni prive di capacità lenitiva, il vero problema è chi ci salverà dalla regina. Dalla Cina.

Presagi neri dal futuro, calendari eretici, niente giorni segnati di rosso, lavorare a credito.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Quello che eravamo ieri…

media_spin

Queste brevi considerazioni sono rielaborate dal libro “La convivialità” di Ivan Illich, oltre che ispirate dal precedente post:

Mutilati dalla professionalizzazione di qualsivoglia bisogno umano, abbiamo capovolto i termini dell’addizione, ci siamo di fatto trasformati, diventando noi stessi strumento multifunzionale, estremamente delicati, e pertanto, necessitanti di ogni tipo di manutenzione. Non siamo più quello che eravamo ieri, ossia uomini con un fine riflessivo, vivere la propria vita. Ora facciamo parte, anche se molti non se ne rendono conto, e siamo condizioni necessaria, ma ahimè non più sufficiente, di progetti più ampi rispetto una singola vita. Ma forse c’è ancora qualche barlume di vecchio in noi, spesso non riusciamo ad adattarci, almeno non completamente. Sempre lì a borbottare, a brontolare, a fastidiare, e quando nessuno ci dà ascolto, ci mettiamo a fare i capricci, e ce ne stiamo giornate in strada a colorare cartelloni per esporli durante lunghe passeggiate, invece di lavorare. Ieri eravamo dannatamente critici, oggi ci limitiamo a fare il da-farsi. Lamentele, reclami, rivendicazioni, sono oggi significanti senza significato, anche se è stato ancora reso esplicito. Sognavamo la libertà dalle distanze e dal tempo, siamo finiti in una rete di distanze più ampia, e con meno tempo per percorrerle. Non pensiamo più a crescere i figli, ad accrescere il nostro sapere, a crescere la nostra persona, ma solo alla crescita del Pil, e collegate ad esso sono tutte le nostre azioni, dalle più banali alle più pregnanti. Penserete “ma guarda un po’, sembra che siamo finiti proprio male”. E invece no, perché i figli di oggi sono perfettamente inseriti nel nuovo contesto, e non pensano più a ieri. La storia che ci parlava del baratto, delle terre comuni, della sussistenza, c’annoia, tanto vale annoiarsi davanti alla tv. Ma ai pochi uomini di ieri, di poche decine di anni fa’, quelli che hanno avuto e avranno ancora per un po’ il privilegio, o l’onere, di assaggiare il futuro, che conservano ancora gli istinti propri dell’essere umano, almeno quel poco non ancora prosciugato dal mercato, a loro questo mondo interrelato e normatizzato sta più stretto del vecchio caro sistema di Stati nazionali. Quando spariranno anche gli ultimi sentori di ciò che era ieri, quando si spegneranno le ultime voci dalle piazze, quando verrà imposto, e non più solo propinato, un unico stile di vita, io spero di non trovarmi lì, e dover guardare.

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized